carboidrati-pensa benessere

Carboidrati: questi sconosciuti.


Si parla sempre di carboidrati quando si sceglie di intraprendere una dieta o di regolare la propria alimentazione, ma cosa sono? A cosa servono?


Non possiamo parlare di alimentazione senza scrivere di una delle principali sostanze nutritive
Anche perché sono spesso “vittime” di malintesi.

Erroneamente, infatti, quando si parla di carboidrati, si pensa sempre ad alimenti come pasta, pane o pizza.


Cosa sono i carboidrati? Qualche nozione chimica


I carboidrati, glucidi in chimica, sono sostanze formate da carbonio e acqua.
Sono contenuti principalmente negli alimenti di origine vegetale e il gruppo alimentare che li contiene in maggiore quantità è quello dei cereali.


Quelli che comunemente vengono chiamati “carboidrati”, sono scientificamente detti “complessi” o “polisaccaridi”.

Giocano un ruolo fondamentale nell’alimentazione umana dato che rappresentano la principale fonte di energia per l’organismo. Forniscono in media 4 kcal per grammo, anche se il loro valore energetico varia tra le 3.74 kcal del glucosio alle 4.2 kcal dell’amido.


A seconda della loro struttura chimica possono essere suddivisi in semplici e complessi. Questi ultimi, si dividono in polisaccaridi di origine vegetale (come amidi e fibre) e di origine animale.


A cosa servono?


Come abbiamo detto, i carboidrati sono la nostra principale fonte di energia. La Società Italiana di Nutrizione Umana afferma che avere una dieta equilibrata significa che il 45%-60% delle calorie giornaliere dovrebbe provenire dai carboidrati e di questi solo il 10%15% deve essere costituito da semplici o zuccheri.


Qual è la loro classificazione?


I polisaccaridi più conosciuti (e che ci interessano in questa sede) sono 3.


Amido

È la riserva glucidica dei vegetali ed è particolarmente presente nei semi, nei cereali. Possiamo trovarlo in gran quantità anche nei piselli, nei fagioli e nelle patate dolci. Più è alto il contenuto di amido, più un alimento è considerato digeribile.


Fibre

Sono polisaccaridi strutturali, tra cui la cellulosa è l’elemento più importante. Dato che il nostro corpo non è in grado di utilizzare la cellulosa a scopo energetico, l’intestino la lascia fermentare, estrapolando i nutrienti essenziali.


Glicogeno

Viene utilizzato come fonte di deposito e di riserva energetica primaria. Viene immagazzinato nel fegato e nei muscoli fino ad un massimo di 500 grammi.

Ecco dunque cosa sono i carboidrati e perché sono importanti per il nostro organismo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *