Piatto Piccolo

“Vuoi mangiare meno? Riempi un piatto piccolo. Ti darà l’illusione di mangiare tanto e ti sentirai sazio”. Quante volte ci siamo sentiti dire queste parole? Convinti che fosse realtà? Uno studio pubblicato sulla rivista scientifica “Appetite” rivela, però, che il nostro cervello non si fa ingannare! Specialmente se si ha fame e si è a dieta.

Se il cibo viene posto in un piatto più piccolo mi illudo veramente di mangiare meno?
I ricercatori dell’Università Ben Gurion del Negev (Israele) hanno smentito questo trucco dietetico,basato sull’illusione “Delboeuf”.

Le dimensioni del piatto non ci influenzano così come crediamo. Quando le persone hanno fame, specialmente quando sono a dieta, hanno meno probabilità di essere ingannate dalle dimensioni del piatto e più probabilmente si rendono conto che stanno mangiando di meno, così da essere più inclini a mangiare più tardi”.
Ha detto Tzvi Ganel, ricercatore che ha condotto lo studio.

Per giungere a queste conclusioni, i ricercatori hanno condotto due esperimenti che hanno coinvolto complessivamente 113 adulti. Un primo studio è stato fatto su una pizza: le persone che avevano digiunato per almeno tre ore avevano più probabilità di identificare le giuste proporzioni della pizza stessa rispetto alle persone che avevano mangiato poco prima.

Secondo i ricercatori questo indica come la fame stimoli una maggiore elaborazione analitica, che non viene facilmente ingannata da tecniche illusorie come quella del piatto piccolo.

Nell’ultimo decennio, i ristoranti e le altre aziende alimentari hanno utilizzato piatti progressivamente più piccoli per adeguarsi al pregiudizio percettivo che servano a ridurre il consumo di cibo – ha osservato il dottor Tzvi Ganel -. “Il nostro studio smentisce quest’idea“.

E allora, evitiamo questa tecnica illusoria e puntiamo sulla moderazione. Mangiare un po’ di tutto in quantità adeguate, infatti, rimane ancora la soluzione migliore. Per restare in forma e per mantenere in salute il nostro organismo.