Sognare

“Stanotte ho fatto un sogno bellissimo ma non ricordo più nulla!”. Quante volte ci è capitato di provare un profondo fastidio per il vago ricordo di un bel sogno dimenticato? Tante, tantissime volte. Come tante sono le volte in cui ci siamo svegliati al mattino con addosso la sensazione, piacevole o meno, di ciò che abbiamo vissuto durante la notte.

Ma perché dimentichiamo i sogni?  Un gruppo di ricercatori australiani ha avviato uno studio per capirlo. Cosa è emerso? Sembra che assumere vitamina B6 sia la soluzione per aiutarci a ricordare le nostre storie notturne e per rendere i nostri sogni più chiari e coerenti. Interessante no? Il trucco per riuscire a ricordare i sogni senza svegliarsi o ridurre la qualità del sonno? Secondo uno studio condotto dall’Università di Adelaide (in Australia) consisterebbe nell’assunzione della vitamina B6; una componente che rientra nelle vitamine del gruppo B.

La buona notizia? Se si segue una dieta ricca e variegata, l’assunzione di vitamina B6  può avvenire direttamente attraverso il cibo, senza bisogno di ricorrere ad alcuna supplementazione. Cibi come grano, legumi, banana, avocado, spinaci, patate, latte, uova, carne rossa, fegato e pesce, per esempio, ne sono particolarmente ricchi.

La ricerca: come hanno fatto i ricercatori a giungere a questa conclusione? Attraverso un esperimento che ha coinvolto 100 volontari di età compresa tra i 18 e i 40 anni, provenienti da tutta l’Australia.I partecipanti sono stati divisi in due gruppi: una parte di essi ha assunto, prima di andare a letto, 240 mg di vitamina B6, ovvero l’equivalente di 558 banane (anche tonno e ceci, se consumati in maniera adeguata, possono apportare lo stesso quantitativo). All’altro gruppo, invece, è stato dato solo del placebo.Cosa è emerso? il primo gruppo, che aveva assunto per cinque giorni consecutivi vitamina B6, era in grado di ricordare meglio i sogni.Secondo gli autori dello studio, la spiegazione di questo risultato consisterebbe nel fatto che i partecipanti assumevano già con la dieta una buona quantità di vitamina B6 e la supplementazione è andata ad agire soltanto sulla quantità di ricordi dei sogni e non sui sogni stessi.“Non vedevo l’ora di andare a letto e sognare” – ha commentato uno dei partecipanti.  “Non ho perso alcun frammento del sogno anche mentre la giornata andava avanti” ha dichiarato un altro volontario della ricerca.

I benefici che apportano i “sogni lucidi”: “ogni soggetto trascorre circa sei anni della propria vita a sognare. Ricordare i sogni potrebbe aiutare a superare gli incubi, le fobie, perfezionare le capacità motorie e persino aiutare la riabilitazione a seguito di un trauma fisico” – ha dichiarato il Dott. Denholm Aspy, autore dello studio.Secondo Aspy sono necessarie altre ricerche per “capire se gli effetti della vitamina B6 variano a seconda della quantità vitaminica assunta con la dieta” In altre parole, nel caso di una carenza nella dieta, assumere la vitamina B6 potrebbe avere un effetto immediato sui sogni che però non si mantiene nel tempo.