Fake News sulla salute

Viviamo nell’era delle notizie lampo. Internet ha reso tutto più semplice, ma ha anche dato vita ad un fenomeno particolare, che sta a metà tra disinformazione e volontà di divulgare notizie false e quando questo argomenti riguarda la sanità, non possiamo non parlarne.

Le Fake News sulla salute sono, purtroppo, sempre più frequenti e sviluppare la capacità di filtrarle è molto importante.


Fake News sulla salute

Il 2020 è stato (ed è) un anno davvero particolare, volenti o nolenti ci siamo ritrovati a seguire sempre più notizie di carattere sanitario. In questi mesi sono circolate molte notizie false su come prevenire e curare il Coronavirus e sono tutte state segnalate all’AGCOM (Autorità per le Garanzie delle Comunicazioni).

Dato che la disinformazione può portare le persone a comportamenti dannosi per sé e per gli altri, il Ministero della Salute ha istituito una Task Force per contrastare la diffusione di fake news sulla salute.  

L’arma per difendersi dalle fake news sulla salute non è tanto quella di frenarle o censurarle, ma di aiutare le persone ad allenare il proprio spirito critico” afferma Roberta Villa, giornalista e divulgatrice scientifica.

Fake News sulla salute, come riconoscere le bufale 1


Come nascono le Fake News?

Iniziamo subito dicendo che non sempre le fake news sono volutamente false. Si parte da un fatto vero, come uno studio o un dato statistico e, per renderlo più interessante, gli si costruisce attorno una storia. Ed il problema si presenta nel momento in cui la storia prende il sopravvento sui dati.

Il compito della task force è dunque quello di elaborare delle strategie per migliorare la comunicazione ed aiutare i cittadini ad orientarsi nella grande quantità di informazioni che vengono divulgate quotidianamente.


Come capire se una notizia è falsa? E come contrastarla?


Innanzitutto, se si è in dubbio è sempre bene chiedere conferma ad un medico di fiducia, che potrà guidarci nella lettura di dati e aggiornarci sulle novità in campo medico.

Ci sono due fattori che possono guidarci in questa analisi: quando una notizia ha del miracoloso e quando ci dice esattamente quello che stavamo cercando.

In entrambi i casi bisogna subito fare attenzione a cosa si sta leggendo, poiché fare leva sulla curiosità e sul desiderio di speranza dei lettori presuppone sempre una storia molto “imbandita”, in cui i dati scientifici passano in secondo piano. Allo stesso modo, una notizia che sembra rispondere esattamente alla nostra domanda va contro alle regole della scienza: servono anni per trovare soluzioni efficaci.

Per verificare la credibilità di una notizia possiamo usare internet, basta sfruttare questo mezzo così potente nel modo corretto, come? Ad esempio, se viene citato uno studio o un ricercatore, si può cercare la fonte di tale informazione. Se una notizia, spacciata come sensazionale, viene citata da poche altre fonti non è un buon segno.

Ecco dunque che le fake news sulla salute diventano facilmente riconoscibili e possiamo tutelarci anche da queste. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *