monitorare la salute tramite il sudore

È possibile monitorare la salute tramite il sudore? A quanto pare sì!

I ricercatori della Penn State University e della Xiangtan University stanno sviluppando un nuovo dispositivo capace di controllare le condizione generali del corpo usando solamente il sudore.

C’è poco da dire, la medicina fa passi da gigante ogni giorno e sicuramente questo nuovo dispositivo sanitario potrebbe essere alla base di ulteriori ricerche e scoperte.

Monitorare la salute tramite il sudore è possibile, ma come si fa?

Il dispositivo è un semplice collettore di sudore multivalvola che, applicato sulla pelle vicino alle ghiandole sudoripare, raccoglie il sudore e lo analizza.

Di fatto assomiglia ad una fiala, ed è caratterizzato da una valvola idrofobica situata vicino all’apertura. Il canale in cui passa il sudore ha un rivestimento idrofilo, che consente di raccogliere più facilmente le goccioline, riducendo al massimo l’evaporazione e aumentando i tempi di conservazione per le successive analisi.

Come avviene l’analisi? Ovviamente verrà eseguita un’analisi più esaustiva in laboratorio, ma è possibile svolgere una seconda analisi sul momento, utilizzando un approccio colorimetrico. Una sostanza chimica particolare risponde al livello di pH o glucosio contenuto nel sudore cambiando colore e ciò dà la possibilità di avere un’immediata risposta del cambiamento dello stato di saluto nel nostro corpo.

Cos’è il sudore?

Molti provano vergogna per il sudore, eppure la sudorazione è il mezzo che il nostro corpo utilizza per eliminare le tossine e per controllare la temperatura corporea.

Quando si parla di sudorazione, infatti, si intende il rilascio di liquido contenente Sali tramite le ghiandole sudoripare, che sono disposte lungo tutto il nostro corpo.

La quantità di sudore prodotta dipende dal numero di ghiandole sudoripare coinvolte e può essere influenzata da fattori ambientali (come elevate temperature atmosferiche), condizioni fisiologiche (come la menopausa), emotive (come trovarsi in condizioni di nervosismo, imbarazzo, paura o stress) e attività fisiche.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *