allergia alle graminacee

Appena la Primavera fa capolino e la natura fiorisce, il 10-15 % della popolazione inizia ad accusare i sintomi dell’allergia alle graminacee.

Sintomi come starnuti, arrossamento, prurito agli occhi, lacrimazione e difficoltà a respirare sono tipici di quest’allergia indotta dalla fioritura della specie vegetale verso la quale si è sensibili.

Il periodo compreso tra Marzo e Settembre è il più critico.

Allergia alle graminacee, ecco la primavera 1

Cosa provoca l’allergia alle graminacee?


Alla base dell’allergia alle graminacee vi è una reazione di ipersensibilità del sistema immunitario tramite una particolare tipologia di anticorpi: le immunoglobuline E (IgE).


Nei soggetti allergici, gli anticorpi riconoscono i pollini delle graminacee come sostanze pericolose e, per eliminarle, stimolano il rilascio di mediatori chimici che scatenano le reazioni allergiche, che possono variare da persona a persona.

Come si diagnostica


Quando si riconoscono i sintomi che fanno supporre l’allergia, è necessario rivolgersi ad un allergologo specializzato.


Facendo un’anamnesi ed un esame obiettivo, il medico ricostruisce la storia clinica del paziente, raccogliendo i dati relativi al disturbo: periodicità, fattori scatenanti, familiarità. Il secondo passaggio è il Prick Test (test cutaneo), che consiste nel riprodurre la reazione allergica sulla pelle del paziente. Si pone una goccia dell’allergene sospetto sull’avambraccio o sulla schiena del soggetto e, tramite una piccola puntura, si fa penetrare nel derma. Se si è allergici alle sostanze testate, si manifesterà una reazione cutanea in un lasso di tempo relativamente breve.


Un secondo tipo di esame è il Rast Test (dosaggio delle IgE specifiche). In questo caso, si evidenzia la reazione degli anticorpi verso particolari allergeni. I risultati arriveranno grazie alle analisi del sangue, che forniranno indicazioni sul grado di sensibilità del paziente verso un determinato allergene.

Trattamenti


L’allergia alle graminacee può essere molto fastidiosa, oltre che pericolosa, per questo è bene conoscere i trattamenti per alleviarla.


Innanzitutto, farmaci spray con azione di broncodilatazione e corticosteroidea sono importanti per un primo intervento e, nei pazienti con un grado leggero di allergia, spesso bastano per sedare i primi fastidi. Sono però gli antistaminici i veri alleati di chi è allergico. Bloccano la produzione di istamina, prodotta dal sistema immunitario durante la reazione allergica, ed alleviano gran parte di sintomi, come prurito, starnuti o lacrimazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *