Corri… con le scarpe giuste!

Quando si inizia a praticare uno sport, la prima cosa da tenere in considerazione è l’attrezzatura sportiva. Il running, per esempio, non ha bisogno di un equipaggiamento particolare, fatta eccezione per le scarpe. Scegliere una tipologia di scarpa adatta al proprio piede, al terreno di corsa e al proprio modo di correre è fondamentale; sia per evitare traumi sia per migliorare le performance di corsa. In commercio ne esistono tantissime. Ecco una semplice guida per scegliere la scarpa giusta in base alla propria esigenza. 

Prima di approcciarsi alla corsa è fondamentale farsi un’idea sulle scarpe da utilizzare. Scegliere una calzatura adeguata, infatti, è una prassi obbligata per non andare incontro a dolori o infortuni. Preservare la salute delle proprie articolazioni deve essere sempre il primo punto da tenere in considerazione.
Fatta tale premessa, come scegliere-quindi- le scarpe da running più appropriate?
Innanzitutto bisogna avere chiaro l’obiettivo della corsa: dove verranno utilizzate? Su quale pavimentazione? Serviranno per una gara o per la semplice corsa? Per quanto tempo?
In base al peso e all’obiettivo di chi inizia a correre, le calzature da running vengono divise in 7 categorie:

  1. Minimaliste A0
    Pesano dai 100/300 gr, sono scarpe leggerissime e progettate per favorire un movimento naturale delle articolazioni del piede. Contribuiscono a correggere alcuni problemi di postura.
  2. Superleggere A1
    Pesano meno di 250 gr. E, grazie alla loro flessibilità, sono pensate per gare e allenamenti a ritmo sostenuto.
  3. Intermedie A2
    Peso compreso tra 240 e 295 gr. Garantiscono un buon livello di ammortizzamento. Utilizzabili in allenamenti veloci o in gare dal ritmo moderato.
  4. Massimo ammortizzamento A3
    Pesano più di 300 gr. E offrono il massimo confort grazie al loro potere ammortizzante. Diffuse come scarpe da allenamento, sono normalmente utilizzate dai runner con appoggio neutro.
  5. Stabili A4
    Pesano poco più di 300 gr. E sono create appositamente per correggere i problemi di eccessiva pronazione. Garantiscono doti di sostegno, protezione e stabilità.
  6. Trail Running A5
    Pesano poco, molto traspiranti e spesso impermeabili.
    Le suole sono state pensate per affrontare tracciati poco stabili e di montagna, in grado di assorbire al meglio gli impatti con il terreno e garantire la massima tenuta in discesa e in frenata.
  7. Chiodate – Specialistiche A7
    Questa categoria include i modelli da campestre e quelli utilizzati nelle diverse specialità su pista.

È necessario tenere a mente che le scarpe da corsa dovranno essere utilizzate esclusivamente per questo scopo. Non importa che si siano fatte altre attività sportive; le scarpe da tennis, basket o calcetto non vanno bene per il running, che necessita di calzature adatte in relazione al movimento ripetitivo in avanti.
Un altro accorgimento da tenere in considerazione è la durata della scarpa acquistata; per chi corre regolarmente dovrebbe durare 3 o 4 mesi.
Ci sarebbero tante altre cose da tenere in considerazione, per questo è una buona idea, prima di approcciarsi alla disciplina, parlare con corridori o con esperti del settore.

A questo link: https://www.project-ares.com/blogs/news/migliori-scarpe-running-2019/, una lista di scarpe da running selezionate da Daniele Lucchi,  Tecnico Federazione Italiana Atletica Leggera.

Scopri di più: Boswellia Advance Lenigel

L’integratore alimentare non è un sostitutivo di uno stile di vita sano. Ricordati di consultare sempre il tuo medico di base.