fbpx
dolore cistite

È inutile girarci attorno: la cistite è un disturbo veramente doloroso. Sempre più spesso si sentono donne e giovani donne dire: “soffro di cistite”.

Un fenomeno molto più comune di quanto si possa pensare: è un’infiammazione acuta della vescica e spesso viene associata ad un’infezione batterica.

Dolore cistite, come affrontarlo e prevenirlo?

Cos’è la cistite?

Quando si soffre di cistite si prova una fastidiosa e, talvolta anche dolorosa, sensazione di dover urinare. Questo perché la cistite è un’infiammazione della vescica e del tratto urinario. Fortunatamente non diventa cronica a meno che non la si trascuri per molto tempo.

È solitamente causata da batteri che popolano il tratto intestinale, come l’Escherichia Coli. Questi agenti patogeni possono raggiungere la vescica, colonizzarla e quindi provocare un’infiammazione.

Stress e immunodeficienza sono alcune delle cause che possono generare problemi all’apparato urinario. È infatti scientificamente provato che gli stati di stress (più che comuni in questo periodo di quarantena) abbassano le difese immunitarie, dando quindi la possibilità agli agenti patogeni di “attaccare il nostro corpo”.


Dolore cistite: qualche consiglio per prevenirla e curarla

Soffrire di cistite è del tutto normale: è una condizione molto diffusa tra individui di ogni età, anche se è bene dire che sono le donne a essere più colpite.

“Soffro di cistite, quali rimedi possono adottare?”

Dolore cistite: cosa fare?

Come buona regola, per prevenire la cistite è necessario bere molto (almeno 2 litri al giorno) e regolarizzare l’intestino. Una dieta equilibrata, ricca di verdure, frutta e fibre è un buon metodo fai da te per prevenire questo disturbo.

Se la cistite è alle prime fasi, assumere probiotici è una buona mossa perché fungono da antinfiammatori. Tra questi vale la pena menzionare il Bifidobacterium longum, che migliora la resistenza immunitaria.

Noi di Pensa Benessere vi consigliamo sempre e comunque di rivolgervi al vostro medico curante, specialmente se i dolori persistono. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *