influenza


Tra i mesi più freddi e quelli più caldi, nel periodo compreso da Gennaio e fine Giugno, gran parte della popolazione viene colpita dall’influenza. Quante volte abbiamo attribuito malanni stagionali, febbre e malessere a questa patologia?


Possiamo affermare che sotto il termine “influenza”, confluiscono diverse malattie lievi non meglio specificate, eppure è una malattia con sintomi e caratteristiche ben specifiche.


Cos’è l’influenza?

L’influenza è una malattia infettiva causata da un virus ed è contagiosa. Riconoscerla è piuttosto semplice, per questo è sufficiente una visita dal medico di famiglia: presenta sintomi quali febbre, dolori muscolari e articolari, congestione nasale e mal di testa.

Dura tra i 5 ed i 7 giorni e tende a guarire autonomamente, anche se è bene tenere sotto controlla la situazione.


Come prevenirla?


Prevenirla è possibile e per farlo si può ricorrere ad espedienti semplici ma efficaci. Il primo è sicuramente quello di lavarsi spesso le mani, infatti, il virus è viene neutralizzato dal sapone. Non sottoporsi ad eccessivi sbalzi di temperatura è un buon modo per evitare stress termico al nostro corpo, questo infatti potrebbe indebolire l’organismo rendendolo più soggetto al virus.


Un terzo espediente è ricorrere al vaccino antinfluenzale, raccomandata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per i soggetti a rischio.

L'influenza, questa sconosciuta 1


Perché il vaccino si deve ripetere annualmente?

Il vaccino è solitamente efficace contro tre o quattro tipologie di influenza, si deve però considerare che ogni anno il virus si modifica leggermente, rendendo inefficace il vaccino dell’anno precedente.


Quali trattamenti?


Oltre al vaccino antinfluenzale, esistono diversi trattamenti utili a combattere i fastidiosi sintomi dell’influenza. Primo tra tutti è ricorrere a farmaci come analgesici, che limitano i dolori scheletrici e muscolari, antipiretici per abbassare la febbre e antibiotici (solo se prescritti dal medico curante), con cui si sedano eventuali infezioni e batteri.


Una buona regola è quella di lasciare al nostro corpo il tempo di riprendersi, concedendosi un periodo di riposo, mangiare regolarmente alimenti non speziati e grassi ed bere molto per mantenersi idratati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *