Magnesio

Per molti le vacanze estive sono ancora lontane, per altri più vicine, ma la sensazione di arrancare per tirar fuori le ultime energie rimaste, prima del meritato riposo dopo un anno di lavoro, è una sensazione piuttosto diffusa in questo periodo dell’anno. Di fronte a tanta stanchezza psico-fisica, possiamo sostenere l’organismo con un semplice alleato ed energetico naturale: il magnesio.

Stress accumulato e ritmi a volte difficili da sostenere esauriscono molto presto le riserve di questo minerale ed in caso di carenza, i sintomi che ne derivano sono mal di testa, pessimo umore, difficoltà a mantenere costante la concentrazione, stanchezza immotivata ed insonnia. Visti gli innumerevoli disagi, non è difficile credere che il magnesio sia coinvolto quindi in moltissimi processi metabolici deputati alla produzione di energia indispensabile al nostro corpo.

Il magnesio è presente in molti alimenti: verdure a foglia verde (esempio: bietola, lattuga, broccoli, cavoli e spinaci), frutta secca (noci, mandorle, nocciole, anacardi, pistacchi), legumi per lo più ceci, cereali integrali, crusca, sale marino grezzo, frutta come banane, melone, fragole, uva, ciliegie, ananas e cacao amaro.

Sebbene sia così diffuso in natura, è giusto specificare che a causa dei processi di lavorazione a cui è sottoposto l’alimento, come ad esempio la raffinazione dei cereali, la conservazione e la cottura, gran parte del magnesio viene perso e di quello rimanente riusciamo ad assorbirne solo il 30-40%. Ciò spiega perché in caso di aumentato fabbisogno in determinati periodi dell’anno una sana alimentazione equilibrata da sola non è in grado di soddisfare le aumentate richieste di questo minerale e pertanto ne è consigliata una sua integrazione: il magnesio assoluto. Questa formula ha la caratteristica di avere una composizione chimica tale da renderlo più facilmente assimilabile dall’organismo.

Una volta diluito in acqua verrà facilmente assorbito lungo l’apparato digerente, aiutandoci ad apprezzare il sollievo dalla spossatezza fin dai primi giorni dall’assunzione. Attenzione a non abusare con la dose perché può avere effetti lassativi. Ne è sconsigliato l’utilizzo da parte di persone con problemi renali, in tal caso consultare il parere del medico.

A cura della Dott.ssa Ornella D’Alessio, Biologa Nutrizionista – Specialista in Scienze dell’Alimentazione e Nutrizione Umana