serena williams 2

Dentro il campo sono Serena Williams, fuori sono Serena e basta, due persone completamente differenti […]”


Serena Williams, nata Serena Jameka Williams è nata nel 1981 ed è la tennista statunitense più famosa e amata al mondo.


La stampa l’ha soprannominata “The Queen” e viene da molti considerata la più grande tennista di tutti i tempi, anche dalle leggende dello sport, come mai?


Il suo segreto sta nella potenza fisica eccezionale e in una forza mentale capace di reggere pressioni, fatica, delusioni e rivincite.


Serena è diventata ufficialmente la numero 1 al mondo l’8 Luglio 2002.


Come nasce un campione


La nostra campionessa di tennis ha origini nigeriane e nasce a da una famiglia poco agiata. La voglia di riscatto e l’amore del padre per il tennis la spingono, assieme alla sorella Venus, verso la carriera agonistica.


Alcuni dicono che abbia impugnato la sua prima racchetta a soli 5 anni e a 8 ha gareggiato nel suo primo torneo. La rivalità con la sorella Venus (tennista e modella) non è mai stata un problema per Serena.


È senz’altro meno doloroso perdere da Venus. Ci rimarrei male, ma in fondo è molto più semplice accettare di essere sconfitta da lei, invece che da una giocatrice che normalmente dovrei riuscire a battere”.


Venus ha dominato i primi anni della rivalità, vincendo i primi tornei. La svolta arriva nel 2002, quando Serena trova il suo stile e la sua forza, imponendosi non solo sulla sorella, ma anche sul resto delle atlete.


Cosa rende un atleta, un campione? La forma mentis, e Serena sicuramente è particolare in questo campo.


Quando sei così giovane giochi contro avversarie che partono favorite e tu non hai niente da perdere. Nonostante questo, in quell’anno avevo molta fiducia di poter vincere. La fiducia è un fattore che non mi ha mai abbandonato durante la mia carriera”.


Che sia questo il suo segreto?


Stile di gioco


Serena è una giocatrice da fondo campo, ed il suo gioco è caratterizzato da un immediato controllo aggressivo dello scambio (sia quando è il suo turno, che quello dell’avversaria), allo stesso tempo il suo dritto è uno dei più forti al mondo, così come il rovescio bimane.


Ha un servizio particolarmente potente che spesso le consente di chiudere subito il punto con un ace.


Alle doti fisiche, si aggiungono anche quelle mentali. La capacità di mantenere la concentrazione e la freddezza durante tutto il match le hanno molte volte consentito di servire nei momenti più critici degli incontri. Nonostante siano famose le sue urla per scaricare la tensione (e qualche discussione con gli arbitri), Serena mostra una “doppia personalità” tra la sfera professionale e quella privata.


Chi mi avvicina mi dice: prima di conoscerti pensavo che tu fossi una ragazza terribile. Hanno paura di parlare con me, mentre io sono la persona più divertente e rilassata del mondo

Una carriera di grandi successi non può essere sempre rose e fiori, infatti Serena ha affrontato anche molti momenti bui, che l’hanno allontanata dal mondo del tennis. È il caso del periodo di depressione dovuto alla morte improvvisa di una delle sorelle maggiori, a cui si è sommato un infortunio che ha messo a repentaglio la sua forma fisica.


Curiosità


Vorrei essere ricordata per le scuole che avrò costruito in Africa, per la gente che sarò riuscita ad aiutare e ispirare, non perché ho vinto x tornei dello Slam”.


Non tutti lo sanno, ma Serena Williams sostiene diversi enti benefici: è ambasciatrice dell’Unicef, e da sempre sostiene organizzazioni umanitarie che operano in Africa e Asia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *